Chi siamo

Il corso è rivolto a studenti italiani e stranieri interessati alle tematiche relative alla conoscenza degli alimenti da un punto di vista culturale, della loro trasformazione industriale e artigianale, alla valorizzazione dei prodotti e delle ricette, alla biodiversità animale e vegetale, del loro legame con il territorio, alla comunicazione della gastronomia con strumenti tradizionali ed innovativi.
L'Università di Parma ha attivato il primo Corso di Laurea in Scienze Gastronomiche pubblico in Italia, che si è distinto per il forte contenuto scientifico della formazione. Al momento della progettazione del Corso di Laurea in Scienze Gastronomiche non esisteva una classe di laurea specifica che potesse comprendere le molteplici discipline funzionali (ed essenziali) alla formazione della figura del Gastronomo e la nuova Laurea fu collocata nella classe che più pareva avvicinarsi alle competenze della nuova professione, la L/20, poi L/26 (Scienze e Tecnologie degli Alimenti).
L’Università di Parma ha messo la conoscenza degli alimenti, nelle sue più varie declinazioni, tra quelli caratterizzanti la sua vocazione formativa. D’altronde la formazione nel medesimo settore ha raggiunto a Parma livelli di eccellenza. In particolare, l’insegnamento delle Scienze Gastronomiche è, anche grazie alla sua relativa anzianità, quello di maggior prestigio nel quadro nazionale. Ne è prova l’ampio numero di iscritti al Corso di Laurea in Scienze Gastronomiche, che ha visto una crescita ininterrotta sin dal 2004, con una esplosione che ha triplicato i numeri negli ultimi 2 AA, in seguito alla liberalizzazione degli accessi; un afflusso che ha segnato valori del 73-75% di iscritti provenienti da Regioni diverse dall’Emilia Romagna, una tendenza molto al di sopra di quella nazionale come descritta nel Rapporto Biennale sullo Stato del Sistema Universitario e della Ricerca 2018. Naturalmente a questo risultato ha anche contribuito la marcata vocazione del territorio di Parma in tema di qualità alimentare, rappresentata dalle industrie alimentari di Parma, dalla forte concentrazioni di produzioni con Designazione di Origine e dall’attribuzione del titolo di Città UNESCO creativa della Gastronomia. Un siffatto territorio rappresenta dunque il contesto perfetto per formare figure professionali di elevato livello in materia di gestione dei sistemi alimentari e della gastronomia.
Nel corso degli anni, alla luce dell’esperienza formativa e della gamma di attività che i laureati erano chiamati a svolgere, è apparso evidente che la L/26, molto ricca di contenuti scientifici ma del tutto priva di contenuti umanistici, era insufficiente a consentire un’agevole ed adeguata formazione della figura professionale in oggetto. Da più punti quindi nel mondo accademico fu sentita la necessità di un intervento migliorativo, di aggiornamento della classe, ovvero della creazione di una nuova classe ad hoc. Questa seconda soluzione ha alla fine prevalso e nel corrente anno accademico 2018/19 sono stati attivati i primi Corsi di Laurea della nuova classe, L/GASTR. Risulta quindi inevitabile e doveroso adeguare la formazione inserendola in una classe di laurea più adeguata a consentire l’utilizzazione di SSD adeguati, in linea con le prescrizioni della classe relativamente alla distribuzione dei SSD tra Attività Formative di Base e Caratterizzanti. Un adeguamento che consente migliorie volte a equilibrare il rapporto tra insegnamenti di contenuto scientifico ed umanistico.
Gli ambiti occupazionali sono molteplici e suscettibili dell'innovazione che investe più o meno direttamente tutti i comparti. Tra questi: l’organizzazione della filiera, la comunicazione lungo la filiera, l'organizzazione di eventi, la promozione enogastronomica di imprese ed Enti Locali con media tradizionali ed innovativi, il marketing di prodotti tipici, il giornalismo di settore, la gestione di aziende agrituristiche, la funzione acquisti per le aziende della GDO, ecc.
L’Ateneo di Parma, da sempre attento all’alimentare, ha sviluppato nel tempo specifiche skills legate alla vocazione territoriale. Negli ultimi anni, inoltre, si è potuto assistere a un risveglio di iniziative che ha portato Parma sulla scena nazionale e internazionale nell’ambito che più le è congeniale: quello dell’agroalimentare e della gastronomia. Oltre a un fiorire di iniziative fieristiche e di promozione delle produzioni tipiche locali, l’iniziativa che più ha colpito l’opinione pubblica è stata la nomina della città al Creative Cities Network for Gastronomy dell’UNESCO: un evento che ha dato momento ad altre iniziative che erano in pectore da tempo, quali "Gola Gola" e "Parma, io ci sto". Al di là del successo che queste iniziative hanno riscosso, l’aspetto che più ha impressionato è stata la disponibilità a lavorare insieme delle varie componenti del territorio, nella consapevolezza che solo unendo le tante risorse del territorio stesso si può raggiungere quel risultato di rilancio complessivo che può consentire il mantenimento, in modo sostenibile, della posizione e della visibilità conquistate.

REGOLAMENTO DIDATTICO

Informazioni circa gli obiettivi formativi, gli sbocchi occupazionali e aspetti organizzativi del percorso di studio sono reperibili nel Regolamento Didattico del Corso di Studio.