IMMAGINE DEL CIBO NELLA CULTURA CONTEMPORANEA

Crediti: 
6
Settore scientifico disciplinare: 
STORIA DELL'ARTE CONTEMPORANEA (L-ART/03)
Anno accademico di offerta: 
2016/2017
Semestre dell'insegnamento: 
Primo Semestre
Lingua di insegnamento: 

Italiano

Obiettivi formativi

Al termine del corso lo studente conosce i lineamenti di Storia dell’arte contemporanea dalla metà dell’Ottocento sino alla fine del Novecento.
Inoltre, sulla base della lettura di fonti documentarie, letterarie e testi critici possiede gli strumenti di base per comprendere e comunicare con la terminologia specifica, le ricerche artistiche che propongono il cibo come soggetto, hanno come campo di indagine l’alimentazione e impiegano materiale commestibile come mezzo espressivo.

Prerequisiti

Data la specificità degli argomenti trattati, la frequenza alle lezioni è fortemente consigliata a tutti, in particolare agli studenti che provengono da studi superiori in cui Storia dell’Arte non è tra le materie d’insegnamento.

Contenuti dell'insegnamento

Lineamenti di Storia dell’Arte Contemporanea dalla metà dell’Ottocento sino alla fine del Novecento.
Individuazione delle espressioni artistiche che propongono - in maniera più o meno sistematica – la rappresentazione del cibo e che impiegano materiale commestibile come mezzo espressivo.

Programma esteso

'Realismo' e Impressionismo; La 'realtà' in Italia: dalla macchia al Divisionismo; Dopo l’Impressionismo; La 'natura' della natura morta; L’Art Nouveau e la grafica pubblicitaria; Espressionismo; Cubismo e "Le cubisme culinaire" di Guillaume Apollinaire, 1913; Il Futurismo e la cucina futurista; Il Futurismo e la pubblicità: il caso Fortunato Depero; Bauhaus e la cultura del progetto; Dalla Metafisica al Surrealismo; Europa-America: l’arte del secondo dopoguerra; La Pop art e l’immagine del cibo; Daniel Spoerri: dai Tableaux-pièges alla Eat Art.

Bibliografia

Per gli studenti che hanno frequentato le lezioni:
• Manuale:
- Giulio Carlo Argan, “Cap. II La realtà e la coscienza” (le seguenti parti: “L’Impressionismo”, “La fotografia”, “L’architettura degli ingegneri”; schede di Courbet, Manet, Sisley, Monet, Renoir, Degas) e “Cap. III L’Ottocento in Italia, in Germania, in Inghilterra”, in L’Arte moderna. Dall’Illuminismo ai movimenti contemporanei, Firenze, Sansoni, 1989;
- Gillo Dorfles, Angela Vettese, Arti visive. Il Novecento. Protagonisti e movimenti, Vol. III tomo A, Bergamo, Atlas, 2006 (oppure la nuova edizione degli stessi autori sempre dedicata a Novecento e oltre).
• Appunti e materiali del corso (diapositive, testi letterari, manifesti programmatici e testi critici trattati durante le lezioni e forniti in itinere dal docente).

Per gli studenti che non hanno frequentato le lezioni:
• Manuale:
- Giulio Carlo Argan, “Cap. II La realtà e la coscienza” (le seguenti parti: “L’Impressionismo”, “La fotografia”, “L’architettura degli ingegneri”; schede di Courbet, Manet, Sisley, Monet, Renoir, Degas) e “Cap. III L’Ottocento in Italia, in Germania, in Inghilterra”, in L’Arte moderna. Dall’Illuminismo ai movimenti contemporanei, Firenze, Sansoni, 1989;
- Gillo Dorfles, Angela Vettese, Arti visive. Il Novecento. Protagonisti e movimenti, Vol. III tomo A, Bergamo, Atlas, 2006 (oppure la nuova edizione degli stessi autori sempre dedicata a Novecento e oltre).
• I seguenti testi/saggi:
- Peter Weiermair (a cura di), La natura della natura morta. Da Manet ai nostri giorni, catalogo della mostra, Bologna, Galleria d’Arte Moderna, 1 dicembre 2001–24 febbraio 2002, Milano, Electa, 2001 (in particolare i seguenti saggi: Renato Barilli, “Le metamorfosi della natura morta”, pp. 22-25; Samuel Vitali e Uliana Zanetti, “Rinascite e trasformazioni della natura morta nella contemporaneità. Un itinerario”, pp. 26-49);
- Claudia Salaris, Cibo futurista. Dalla cucina nell’arte all’arte in cucina, Roma, Stampa alternativa, 2000;
- Daniel Spoerri presents Eat Art, catalogo della mostra, Paris, Galerie Fraîch’Attitude, 11 juin-13 novembre 2004, Paris, Aprifel, 2004 (oppure Renate Buschmann, "Evocations of Pleasure and Disgust. Daniel Spoerri and the Establishment of Eat Art", in Eating the Universe. Vom Essen in der Kunst, catalogo della mostra, Dusseldorf, Innsbruck, Stuttgart, 2009-2011, Dusseldorf, DuMont, 2009, pp. 235-246).

Metodi didattici

Lezioni frontali (con proiezioni di immagini e letture di documenti) per le quali si auspica la frequenza e la partecipazione attiva degli studenti.

Modalità verifica apprendimento

Esame orale, costituito da tre domande sulla base del programma indicato. Il punteggio finale è calcolato sulla base della media matematica dei voti ottenuti in ciascuna risposta.
Per gli studenti frequentanti sono previste prove in itinere, secondo la stessa modalità di verifica.